Per puro caso

Il falso in bilancio bocciato dal governo. E il sottosegretario se la prende con chi ha scritto le schede sul da farsi in Parlamento. Chi l'ha messo perfidamente fuori strada?

Ddl corruzione, ostruzionismo del Pdl Scontro sul falso in bilancio
 Per caso, il governo ha votato contro il ripristino del reato di falso in bilancio alla Camera dei deputati. Il sottosegretario alla Giustizia ha espresso il parere favorevole dell'esecutivo Monti all'emendamento che elimina una norma presente in tutti i paesi civili del mondo, appena riproposta. Salvatore Mazzamuto era lì, sui banchi del governo, per caso. A sostituire l'altro sottosegretario, Andrea Zoppini, accusato dalla magistratura di frode fiscale. Dimesso alle 14 dello stesso giorno.
Per giustificare la sua scivolata, il professor Mazzamuto — con lui ha studiato a Palermo casualmente anche l'ex guardasigilli Angelino Alfano, del quale il docente di diritto civile è stato pure consulente giuridico in via Arenula — se l'è presa con l'Ufficio legislativo del ministero. La scheda coi pareri del governo sugli emendamenti «non era chiara». Taceva l'effetto abrogativo della norma che ripristinava il reato preesistente alla legge ad personam introdotta nel 2002 da Berlusconi per evitare uno dei suoi tanti processi. Un puro caso. «Andate avanti così ragazzi, mi state dando una grande soddisfazione», s'è affrettato a dire il capo del Pdl, dopo l'altro agguato teso dai suoi avvocati alla legge anticorruzione, sempre martedì 15 maggio in parlamento.
Il parere che porta fuori strada il sottosegretario Mazzamuto — ed anche questo per caso — è firmato di pugno dalla dottoressa Augusta Iannini, magistrato e capo dell'Ufficio legislativo del ministro di Giustizia. Benché quella firma — riferiscono le cronache — abbiano cercato di cancellarla con ripetuti tratti di penna, il nome s'è potuto leggere lo stesso. Un puro caso, poi, che la dottoressa Iannini fosse ancora lì, a fianco del ministro Paola Severino, allo stesso posto dov'era già col ministro Alfano.
Non ci crederete, ma c'è, infine, un'altra maledettissima casualità. Augusta Iannini è felicemente sposata con Bruno Vespa — e questo forse lo sapevate già. Per purissimo caso.
 (mercoledì 16 maggio 2012)


Nessun commento:

Posta un commento