25 aprile 2020

Al tempo sospeso delle nostre libertà personali, facciamo sventolare la bandiera della Resistenza, della giustizia e della libertà. Dai nostri smartphone e dai nostri computer 

[⏱ 0:50 di lettura, 3:30 di ascolto]
Quello che segue è un video dedicato ai figli e nipoti della Liberazione dal nazifascismo. Celebrazioni, manifestazioni e cortei in questo 2020 inaudito potranno essere solo virtuali. Nessuno meglio dei nativi digitali e dei loro fratelli maggiori può farla diventare oggi una festa “virale” su smartphone e computer. Sono questi gli strumenti che ci legano l’un l’altro al tempo del coronavirus. L’autoconfinamento ci chiude in casa per salvare la pelle. Facciamo rinascere da qui una rete di donne e uomini liberi, in questa cesura storica inimmaginabile fino a ieri.


Settantacinque anni fa furono sconfitte dalla storia l’oppressione e la dittatura, le ideologie di morte ancora in circolazione. Ce lo ricordano oggi insulti e svastiche sugli usci di perseguitati e sopravvissuti. Da settimane, la pandemia sta decimando proprio la generazione che ne conserva la memoria e ha vissuto la Liberazione dal cuore nero del Novecento che trascinò l’Italia nell’orrore della guerra e nella vergogna delle leggi razziali. Avanti ragazzi, teniamo alta la guardia. #iorestolibero. Ora e sempre Resistenza.

■ (mercoledì 21 aprile 2020)


Nessun commento:

Posta un commento